Utilizzi Pinterest? Ecco l’ultima novità…

pinterest

 

Pinterest è un tipo di social network diverso dagli altri. Probabilmente è stato il primo a valorizzare il mondo delle immagini, fungendo da bacheca virtuale che consente agli utenti di raccogliere le fotografie  e di creare album di varia natura, utile ai privati, ma a mio avviso soprattutto alle aziende. Pensate agli e-commerce, cui questa piattaforma permette di esporre foto di tutti i prodotti in vendita, con una descrizione che includa anche il link al sito o ad una landing page. Si può fare pin (il cui significato letterale è “appuntare con uno spillo”) di tutte le fotografie o le immagini che preferite e che verranno comodamente raccolte sul vostro account. E potrete classificare le immagini in base a tipologia e tema, in maniera molto ordinata, tramite delle bacheche create da voi.

Come funziona?

Pinterest ha una struttura abbastanza simile a quella di altri social media, presenta una pagina personale, una Home con un feed delle immagini pubblicate dagli account che seguite, e c’è poi la possibilità di fare delle ricerche settoriali (cibo, moda, architettura, giardini..). Naturalmente, come per tutti i social, si può interagire mettendo i like, oppure potete re-pinnare, commentare e anche condividere il contenuto sul vostro blog attraverso l’embed code.

pinterest-old-design

La novità: Pin Collective

Questa piattaforma ha da poco deciso di lanciarsi in un nuovo progetto che consente a brand e inserzionisti di produrre dei veri e propri contenuti pubblicitari. Sto parlando di Pin Collective, una novità che permetterà alle aziende di fare degli annunci pubblicitari in grado di catturare l’attenzione degli utenti.

Perché Pinterest ha fatto questa scelta? Lo scopo è fare in modo che d’ora in poi sia possibile fare pubblicità su Pinterest e per questo il social sta sviluppando una funzione creativa che permetta a qualsiasi tipo di società di creare Pin interessanti, a prescindere da quali siano i loro prodotti o il loro budget. Insomma, l’obiettivo è quello di favorire le aziende perchè siano in grado di creare contenuti ottimizzati per Pinterest.

Grazie ai Pin Collective le aziende potranno creare pin virali, capaci di dare vita a un maggior richiamo e ovviamente a più introiti per Pinterest. Gli accordi tra creatori di contenuti e aziende saranno gestiti soltanto da questi due soggetti, Pinterest non avrà un ruolo in merito. Ciò vuol dire che le aziende tratteranno senza intermediari coi vari influencer e creativi e li pagheranno direttamente per le loro attività.

Articolo di Alessia Vecchione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *