WhatsApp vs Telegram

Quale app di messaggistica scegliere tra WhatsApp e Telegram?

WhatsApp è senza dubbio tra le app di messaggistica più utilizzate in questo momento, ma non è l’unica! Il suo maggior competitor è Telegram, app al centro di diverse polemiche in questi ultimi mesi. Questa piattaforma alternativa si è pian piano diffusa e ha ottenuto col tempo una base utenti davvero notevole, arrivando a ben 200 milioni di iscritti attivi.

Partendo dal presupposto che sia i servizi che le funzioni principali offerte dalle due app sono molto simili, esistono comunque alcuni dettagli che possono farci propendere da una parte o dall’altra. Per esempio WhatsApp, che fa parte del gruppo Facebook, conta su un parco utenti sicuramente più esteso, e ciò rende più facile raggiungere i propri amici. Mentre Telegram può contare su servizi bot molto più avanzati e offre la possibilità di dare vita a dei gruppi formati da migliaia di persone. Ma per capire se risponde meglio alle nostre esigenze WhatsApp o Telegram bisognerà fare un piccolo approfondimento!

Perché scegliere Telegram?

Invio di file
Telegram, in caso di necessità, può essere usato per inviare e condividere file tra smartphone e Pc, smartphone e smartphone o tra Pc e Pc. L’app, infatti, permette di allegare qualunque tipo di file fino a 1,5 gb di grandezza.

Multipiattaforma
In questo aspetto somiglia a WhatsApp: anche Telegram dà la possibilità di essere usata dal web grazie a un semplice browser. La differenza sta nella realizzazione di applicativi da installare sul disco rigido capaci di funzionare anche fuori dal browser. Telegram web, inoltre, funziona anche senza la connessione internet (indispensabile per WhatsApp), così da sincronizzare e consultare le conversazioni più facilmente.

Sticker
Gli sticker sono tra le funzionalità che trovate in Telegram che WhatsApp non sta ancora implementando. Gli sticker, a differenza delle emoji, sono più espressivi e permettono agli utenti di palesare meglio le proprie emozioni.

Sicurezza e crittografia
Telegram è stata tra le prime app di messaggistica a mettere a punto la crittografia end-to-end, anche se comporta un’azione diretta da parte dell’utente. A ciò si aggiunge la possibilità di creare conversazioni a tempo, i cui messaggi si cancellano automaticamente dopo alcuni secondi dalla lettura.

Canali e supergruppi
Telegram ha inserito i Canali e i Supergruppi. I Canali sono degli elenchi di distribuzione a tema, cui gli utenti possono iscriversi per ricevere dei contenuti di vario tipo; i Supergruppi, invece, permettono a ogni utente di inviare, in pochi secondi, il medesimo messaggio a migliaia di iscritti.

Piattaforma bot
Telegram, anche in questa occasione, è stata la prima a investire sui chatbot, utilizzando dei software di comunicazione automatizzati. Oggi esistono decine di migliaia di chatbot diversi, ognuno dotato di particolari finalità: ci sono bot per giocare o leggere l’oroscopo fino al bot che permette di tracciare una spedizione in transito, ecc.

Perché scegliere WhatsApp?

È diffusissima
Scaricabile anche dagli smartphone più vecchi e meno usati, WhatsApp è onnipresente nel panorama del mobile. Se a ciò aggiungiamo che WhatsApp Web consente di scambiare messaggi anche da Pc, possiamo subito capire che si tratta di un’app utilizzabile ovunque ci si trovi.

Chat a tempo e Crittografia end-to-end
WhatsApp ora offre un sistema di crittografia end-to-end che protegge i dati e la privacy degli utenti anche migliore a quello di Telegram. WhatsApp consente agli utenti di inviare dei messaggi a scadenza, in grado di cancellarsi in pochi secondi dall’apertura.

Chiamate e videochiamate
WhatsApp ultimamente è divenuta l’alternativa più accreditata a Skype per quanto riguarda le videochiamate e le chiamate VoIP. Può essere utilizzata sia per smartphone che per Pc, fa lo stesso: l’app permette agli utenti di chiamare e videochiamare i propri amici grazie alla sola connessione ad internet.

Revoca dei messaggi
Ultimamente WhatsApp ha offerto ai suoi utenti la possibilità di cancellare i messaggi già inviati, consentendo loro di correggere eventuali errori. Se il destinatario non ha ancora aperto e letto il nostro messaggio e non sono ancora trascorsi 5 minuti dall’invio, è possibile cancellarlo.

Termina qui il veloce confronto tra le due piattaforme: qualcuno ha già avuto esperienza di entrambe le app? Voi quale preferite?

 

Segui la pagina Facebook!

 

Integrazione Facebook – WhatsApp?

Un nuovo pulsante vi permetterà di passare da Facebook a WhatsApp

Facebook sta testando la possibilità di far accedere i suoi utenti direttamente su WhatsApp con un semplice tocco!

Da quando Facebook ha acquisito WhatsApp nel lontano 2014, i rumors di un’eventuale integrazione tra le due applicazioni si sono susseguite di continuo. Zuckerberg è stato costretto spesso ad affermare che WhatsApp sarebbe comunque sempre rimasto un servizio indipendente. Ora, però, il Social Network più famoso del mondo sarebbe intenzionato a fare un primo passo verso una possibile integrazione tra le due piattaforme. La redazione di The Next Web ha  diffuso la notizia secondo cui Facebook starebbe testando una novità: un nuovo pulsante all’interno della sua piattaforma, in grado di integrare WhatsApp. Nelle ultime ore, diversi utenti stanno già segnalando la presenza nell’app di Facebook di questo pulsante destinato a rimandare a WhatsApp. Al momento, però, la novità riguarda solo Android. Se si tocca il pulsante con il logo di WhatsApp, questo verrà aperto, senza però abbandonare l’applicazione di Facebook.

facebook

Come è possibile notare da questa immagine di esempio, il pulsante di fatto è posizionato in alto, nella sezione del menu, quindi abbastanza in evidenza. In ogni caso, si tratta di una feature ancora in fase di test, quindi è abbastanza difficile che gli utenti italiani possano già vederla! Dicevamo, il nuovo pulsante è disponibile per ora solo ad un ristretto numero di utenti, sulla versione Android dell’app, ma a breve sarà potrebbe diventare disponibile anche per utenti iOS. Questa però non è la prima volta che Facebook tenta di creare un ponte diretto tra un’app e l’altra. Da questo mese, da smartphone è possibile aprire Instagram senza essere necessariamente costretti a chiudere prima Facebook.

Come per qualunque test, non vi è ancora nessuna comunicazione relativa a quando il nuovo collegamento a WhatsApp diventerà un servizio a disposizione di tutti gli utenti di Facebook.