Instagram: i nuovi hashtag!

Instagram sta lanciando nuovi hashtag che potremo seguire

Ci sarà un nuovo modo per utilizzare gli hashtag su Instagram: sui profili tester, quando si cerca un nuovo hashtag, da alcuni giorni appare il pulsante “Segui” che permette di seguire post e storie relative a quella parola.

Prossimamente, gli utenti avranno la possibilità di scegliere i contenuti da vedere sulla propria timeline, o nelle stories, seguendo un hashtag di preferenza. Non saremo più obbligati a seguire un certo account per accedere ai suoi contenuti.

Questa piccola grande novità cambierà il concetto di community sul social network. Il contenuto diventerà quindi il protagonista assoluto: gli utenti potranno seguire direttamente gli hashtag, quindi gli argomenti di loro interesse, senza necessariamente diventare follower di un marchio in particolare.

Nel frattempo, anche i brand avranno un’ulteriore possibilità: potranno creare dei gruppi relativi ad un certo argomento, usando semplicemente un hashtag.

Come cambierà la content strategy dei brand?

I professionisti che lavorano sul content marketing potranno finalmente catalogare i propri contenuti grazie agli hashtag, dando quindi un ordine all’attuale mescolanza di immagini e video. Inoltre, si potranno associare delle persone a questi hashtag: l’utente che decide di seguire una conversazione, manifesta un vero interesse per un argomento specifico, e per un brand riuscire a cogliere questa occasione è molto importante.

Anche il concetto di follower cambierà: se fino ad oggi era indispensabile essere follower di un personaggio o di un brand per vedere i suoi contenuti nella nostra timeline, ora sarà sufficiente seguire un hashtag. Di conseguenza, il numero dei follower di un account sarà un parametro sempre meno indicativo. Le persone quindi saranno interessate ad iniziare una relazione con un brand soprattutto nel momento in cui questo creerà dei contenuti inerenti a un argomento d’interesse. Sarà quindi importantissimo per le aziende e gli influencer scegliere strategicamente gli hashtag da inserire nei post.

Se vogliamo soffermarci poi sul raggiungimento dell’audience, ci sono molti brand che si rivolgono a svariati tipi di target, con diversi interessi. Instagram ora darà loro la possibilità di targettizzare i contenuti grazie all’utilizzo degli hashtag, cosa che potrebbe essere di grande aiuto per dare vita a delle specifiche audience. Per fare un semplice esempio, un brand di moda che produce diverse linee di abbigliamento, tra cui una dedicata alle teenagers, un’altra a donne più grandi, può decidere di creare degli spazi personalizzati per ogni linea. Attraverso l’uso di specifici hashtag, il marchio può incentivare le ragazze giovani da una parte, e le donne adulte dall’altra, a partecipare a diverse conversazioni.

Instagram è un social media cresciuto in maniera esponenziale in questi anni: si è tenuto sempre al passo e ha rilasciato continuamente importanti novità. Riuscire a sfruttare al massimo le sue potenzialità deve essere un imperativo per quei brand che vogliono indirizzare i propri investimenti pubblicitari in modo strategico.

 

I sondaggi come strumento di Social media marketing

Sondaggi: perché chiedere l’opinione dei follower?

L’importanza dei sondaggi sui social media (e nel web marketing in generale)

Recentemente abbiamo assistito ad una grossa novità su Instagram. Da questa settimana si potranno pubblicare dei sondaggi all’interno delle Stories: basta accedere alla sezione “Adesivi” e porre una domanda ai propri seguaci, proponendo solo due risposte possibili, che potete scegliere liberamente (anche soltanto un “Sì” e “No”). I follower che guardano la storia e decidono di votare, vedranno poi comparire la percentuale delle risposte tra le due opzioni. Riguardando successivamente la storia, potranno vedere la percentuale aggiornarsi.

I sondaggi, o poll, nel digital marketing sono un ottimo strumento per creare e rendere attiva una community. Può essere utile chiedere un’opinione ai tuoi seguaci, che “tu” sia un professionista, un influencer, ma soprattutto un’azienda, per ricevere un feedback da parte dei tuoi clienti, o potenziali tali. “Fare delle domande al pubblico” può risultare davvero un’attività strategica per coloro che si occupano di marketing. Ma vediamo più in dettaglio perché.

Il sondaggio è uno strumento efficace perché:

  • serve a definire il target di riferimento della propria attività
  • consente di comprendere meglio il comportamento e il gusto del cliente sugli acquisti
  • misura gli effetti delle attività promozionali di prodotti e servizi offerti.

I sondaggi nel digital marketing permettono di analizzare atteggiamenti, comportamenti, aspettative e opinioni dei consumatori, indipendentemente dal settore.

È e resterà uno strumento utilissimo per capire a fondo, e in maniera semplice, le motivazioni che spingono non solo gli utenti/clienti a comportarsi in un determinato modo, ma anche le stesse aziende.

Perché utilizzare i sondaggi? Ecco i 3 motivi principali:

1-Per ricevere un feedback

Social listening significa letteralmente “ascolto dei social” ed è proprio quell’attività attraverso la quale i marchi individuano e analizzano ciò che viene detto di loro sul web. Se siete un’azienda che vende prodotti e/o servizi particolari, saprete già quanto sia importante svolgere delle ricerche di mercato per comprendere meglio il grado di soddisfazione dei clienti già acquisiti.

2-Per lanciare un nuovo prodotto

Lanciare un nuovo prodotto, per un brand, è sempre una sfida, e il dubbio che questa novità possa piacere o meno ai propri clienti è un sentimento legittimo.

È vero che non si può piacere a tutti, ma perché non rendere partecipe il cliente nella realizzazione di un prodotto che soddisfi i suoi gusti e le sue necessità?

3-Per coinvolgere maggiormente la community

Il sondaggio consiste naturalmente nel chiedere un’opinione al cliente e, in questo modo, lo si rende parte integrante della vostra strategia di digital marketing.

I sondaggi sono un ottimo mezzo per stimolare delle conversazioni in rete: coinvolgono gli utenti e li incentivano a comunicare con voi creando, inoltre, un maggiore engagement.

Come realizzare un sondaggio efficace?

Parliamo adesso di alcuni consigli utili per fare in modo che questo strumento di marketing non diventi improvvisamente un boomerang:

  • non creare sondaggi lunghi, il cliente non vuole perdere troppo tempo, e anche le risposte devono poter essere date in pochi minuti;
  • se serve per una ricerca, fare domande dettagliate così da ricevere delle risposte specifiche;
  • proporre domande chiuse, ovvero quelle che prevedono le opzioni di scelta per la risposta;
  • cercare di non eccedere con il numero di domande: altrimenti dividete il sondaggio in più parti.
  • l’ultimo consiglio è forse il più importante: dovete sempre ringraziare il cliente per il tempo che vi ha dedicato. Che sia con un regalo o semplicemente con una frase, ma fatelo, perché gli utenti che vi hanno risposto hanno dato una mano al vostro business!

 

Integrazione Facebook – WhatsApp?

Un nuovo pulsante vi permetterà di passare da Facebook a WhatsApp

Facebook sta testando la possibilità di far accedere i suoi utenti direttamente su WhatsApp con un semplice tocco!

Da quando Facebook ha acquisito WhatsApp nel lontano 2014, i rumors di un’eventuale integrazione tra le due applicazioni si sono susseguite di continuo. Zuckerberg è stato costretto spesso ad affermare che WhatsApp sarebbe comunque sempre rimasto un servizio indipendente. Ora, però, il Social Network più famoso del mondo sarebbe intenzionato a fare un primo passo verso una possibile integrazione tra le due piattaforme. La redazione di The Next Web ha  diffuso la notizia secondo cui Facebook starebbe testando una novità: un nuovo pulsante all’interno della sua piattaforma, in grado di integrare WhatsApp. Nelle ultime ore, diversi utenti stanno già segnalando la presenza nell’app di Facebook di questo pulsante destinato a rimandare a WhatsApp. Al momento, però, la novità riguarda solo Android. Se si tocca il pulsante con il logo di WhatsApp, questo verrà aperto, senza però abbandonare l’applicazione di Facebook.

facebook

Come è possibile notare da questa immagine di esempio, il pulsante di fatto è posizionato in alto, nella sezione del menu, quindi abbastanza in evidenza. In ogni caso, si tratta di una feature ancora in fase di test, quindi è abbastanza difficile che gli utenti italiani possano già vederla! Dicevamo, il nuovo pulsante è disponibile per ora solo ad un ristretto numero di utenti, sulla versione Android dell’app, ma a breve sarà potrebbe diventare disponibile anche per utenti iOS. Questa però non è la prima volta che Facebook tenta di creare un ponte diretto tra un’app e l’altra. Da questo mese, da smartphone è possibile aprire Instagram senza essere necessariamente costretti a chiudere prima Facebook.

Come per qualunque test, non vi è ancora nessuna comunicazione relativa a quando il nuovo collegamento a WhatsApp diventerà un servizio a disposizione di tutti gli utenti di Facebook.

 

Viaggi e Social media

 

Perché una struttura turistica dovrebbe approfittare dei social media per attirare viaggiatori?

Fino a pochi anni fa l’unico modo per trovare ispirazione e sognare/programmare la prossima vacanza era sostare davanti le offerte esposte in vetrina dalle agenzie di viaggi, poi entrare e farsi dare un catalogo sul Giappone, le Canarie o magari prenotare un viaggio negli USA! Quelle “vetrine” ora sono accessibili 7 giorni su 7, 24 ore al giorno, e vi si può accedere cliccando su una delle icone presenti sul vostro cellulare e il catalogo magicamente apparirà. Oltre ad una vasta serie di app, i canali per accedere a questo tipo di informazioni sono sempre più numerosi. Il mondo è ormai social e anche i canali marketing, di conseguenza, devono diventare più “sociali”: Facebook, Instagram, Snapchat, Twitter, Google sono ormai le piattaforme più amate dagli advertiser, anche nel settore dei viaggi.

I viaggiatori spendono il 20% del loro tempo sullo smartphone, connettendosi a Facebook o Instagram, ma queste due piattaforme non vengono usate allo stesso modo.

Recenti sondaggi effettuati da Facebook tra il 2015 e il 2016, su un campione di 2400 viaggiatori, hanno dimostrato che il 54% aveva trovato l’idea per il viaggio proprio su Facebook, e il 38% su Instagram. Ecco perché Facebook continua ad essere la piattaforma più usata dagli advertiser. Sa mantenersi sempre in evoluzione e si perfeziona di anno in anno.

Una delle ultime novità del social network più diffuso è la possibilità di creare un’inserzione dinamica.

Ma come funzionano le inserzioni dinamiche?

Facciamo un esempio: a coloro che utilizzano il sito booking.com, dopo aver cercato un hotel a Barcellona in date già stabilite, una volta ritornati su Facebook o su Instagram, il servizio mostrerà sottoforma di carousel ads la disponibilità aggiornata minuto per minuto dell’hotel di Barcellona durante le date scelte, che si sia effettuato l’accesso da mobile o da desktop. Di cosa si ha bisogno per cominciare a creare le inserzioni dinamiche per viaggi? Basta implementare il Pixel e/o l’SDK per mobile, caricare il tuo catalogo viaggi e creare un modello per le inserzioni!

Si tratta di un modo innovativo ed originale per sfruttare le potenzialità dei social media più utilizzati e amati dai viaggiatori.

Ecco un’infografica che ci mostra il nesso sempre più forte tra i social network e i viaggi.

viaggi

 

Influencer su Instagram

Pubblicità occulte su Instagram da parte degli influencer?

Instagram introduce una novità: nasce una partnership trasparente tra influencer e brand

Instagram ha annunciato un nuovo tool che può davvero dare una svolta alla pubblicità su questa piattaforma, uno strumento che può essere vantaggioso sia per gli influencer che per le aziende. Prossimamente infatti, gli utenti cominceranno a visualizzare il tag “Paid Partnership with” all’interno di post e di Storie che gli influencer realizzano in collaborazione con un determinato brand.

Questa novità potrà finalmente garantire una maggiore trasparenza nella community di uno dei social più diffusi al mondo, e darà ai creatori di contenuti la possibilità di taggare apertamente le aziende con le quali hanno una partnership.

Con questo tag, poi, l’azienda avrà accesso a una serie di insight relativi all’engagement generato da quel determinato post.

Il vero motore della community di Instagram sono proprio le relazioni tra gli utenti, e le collaborazioni tra coloro che pubblicano contenuti e i marchi sono ormai parte integrante della piattaforma. Per questo motivo le aziende ora desiderano impegnarsi per dare una maggiore garanzia di trasparenza.

Erano infatti fioccate diverse critiche per la promozione “occulta”, da parte di noti influencer, di prodotti chiaramente legati ad un determinato brand. Questa cattiva abitudine aveva fatto vacillare la credibilità e l’autorevolezza sia dei creatori di contenuti, che delle aziende. Di conseguenza, per risolvere il problema, Instagram ha introdotto la novità Paid partnership with @nomeazienda. Questo tag metterà in chiaro il rapporto di natura promozionale e commerciale esistente tra gli influencer che pubblicano le foto dei prodotti e le aziende in questione: sarà come dire “abbiamo una collaborazione e non la nascondiamo, anzi, la poniamo in evidenza”.

Tutto ciò non interferirà con didascalia e visual del post, che resteranno a discrezione dell’autore, che potrà quindi aggiungere hashtag e menzioni.

 

influencer

 

Come si può notare dall’immagine, il risultato è funzionale. Ossia, l’efficacia del post non viene messa assolutamente in discussione e la creatività resta sempre in primo piano.

Il vantaggio sarà una maggiore chiarezza tra influencer e aziende, e un maggiore rispetto anche degli utenti della community. D’altronde, qual è l’investimento che caratterizza di più il valore di un brand? La trasparenza!

Come preannunciato: ecco le Facebook Stories!

Dopo il comunicato diffuso alcuni giorni fa è finalmente disponibile per tutti Facebook Stories!

Pochi giorni fa, accedendo all’app di Facebook dal mio smartphone, ho subito notato un’interfaccia diversa, ma allo stesso tempo familiare…. Sicuramente chi già conosce le Stories di Instagram e Snapchat avrà avuto la mia stessa reazione e saprà come utilizzare questa “novità”, gli altri invece possono leggere questo articolo per scoprire qualcosa in più!

Cosa sono le Facebook Stories?

Facebook Stories è naturalmente un richiamo ad Instagram Stories, che consente la condivisione in tempo reale di foto e video, e parliamo del social fotografico più famoso al mondo, sempre di proprietà di Facebook. Entrambe le app sono però molto influenzate da Snapchat, che fu il primo a portare nei social la novità del contenuto multimediale che viene automaticamente distrutto dopo 24 ore.

Facebook Stories è utile per condividere immagini e brevi video coi vostri amici. Queste immagini non compaiono all’interno del solito feed di Notizie, ma soltanto facendo un tap sulla foto profilo dell’amico che vedete in alto, nella nuova barra. In questa barra Facebook vi mostra solo gli amici che hanno creato una “Storia” nelle ultime 24 ore e se ne verranno pubblicate di nuove ci sarà un cerchio blu a denotarlo. Dopo 24 ore dalla pubblicazione, la Storia sarà perduta per sempre.

Questa funzione offre la possibilità di mandare la propria Storia anche come messaggio privato agli amici, partendo dalle foto pubblicate. Questi messaggi però non saranno inseriti in Messenger, come le Storie di Facebook non saranno integrate col vostro Instagram.

Come creare una Storia?

Premete sul cerchio con la vostra immagine profilo con scritto “”La tua storia”, che si trova in alto a sinistra, e avrete accesso alla fotocamera. Qui, se volete, vi sarà possibile scegliere tra diversi, e molto divertenti, effetti applicabili alla foto, scorrendo col dito in verticale. Se volete altri effetti, vi basterà premere sulla stella. Alcuni di questi appariranno sull’inquadratura in tempo reale soltanto se la camera troverà un volto nella foto.

Quando avrete scelto l’effetto scattate la foto, oppure girate un video. Poi vi sarà anche possibile scrivere sulla foto, o disegnare o ancora rovesciare l’immagine.

Premendo sull’ultimo tasto a destra salvate la foto o il video nella galleria del telefono, mentre per inviare le Storie si fa premendo il tasto con la freccia a destra. A questo punto potete decidere con chi volete condividere il vostro contenuto:

Pubblica – la foto va nello stream di Facebook, come una foto generica.

Storia – l’immagine diventa una Storia e sparirà dopo 24 ore.

Invia direttamente – il contenuto viene inviato privatamente agli amici selezionati. Questi avranno la possibilità di vederla 2 volte entro 24 ore dal momento della prima visione.