Le ultime news su Facebook e Instagram!

Pronti a scoprire la Realtà Virtuale su Facebook & la novità “Shopping Tags” nelle Instagram Stories?

Ogni settimana, o quasi, leggiamo di novità relative ai social media; Zuckerberg, su Instagram e Facebook, cerca continuamente nuove strade per avvicinare gli utenti ad una experience migliore e le aziende ad una più vantaggiosa auto promozione.

Oggi parliamo, in particolare, di due novità molto “succulente”, la prima riguarda Facebook, la seconda Instagram!

Cominciamo…

Facebook e la Realtà Virtuale

Come collegare il concetto di Realtà Virtuale con Facebook?

Facciamo prima un passo indietro: ricordate Oculus Rift? Si tratta del Brand di Visori di Realtà Aumentata che Zuckerberg acquistò nel 2014 per ben 2 miliardi di dollari. Ecco, la Realtà Virtuale sarà utilizzata all’interno delle Ads di Facebook: questo innovativo tipo di pubblicità permetterà a tutti gli utenti di provare alcuni prodotti grazie all’uso della fotocamera frontale del proprio smartphone, potenziata, appunto, dalla realtà aumentata.

In realtà, si tratta della stessa tecnologia applicata nelle Storie, con i tanti filtri che attraverso la fotocamera trasformano il nostro volto, aggiungendo, ad esempio, orecchie da coniglio. Ma ora sarà utilizzata per aiutare le aziende a promuovere i propri prodotti e vendere di più!

Tra i primissimi marchi a testare questa nuova funzione c’è Michael Kors, da notare l’innovativa Call To Action visibile al centro dell’immagine: “Tap To Try On”.

Agli utenti basterà cliccare sul viso della ragazza in foto, magicamente si aprirà la fotocamera frontale e il prodotto in questione (qui degli occhiali da sole) si materializzerà sul loro viso. Naturalmente, parliamo di contenuti creati spontaneamente dagli utenti (si chiamano UGC) e la loro condivisione rappresenta una pubblicità di portata enorme per il brand interessato. Famosissimi marchi, come Sephora, avranno la possibilità di far provare alle ragazze, tramite Facebook, un rossetto nuovo, per fare un esempio, e queste ultime potranno condividere le foto nelle Stories di Facebook e Instagram, dando vita ad un vero e proprio passaparola. Inutile dire che le potenzialità di questa idea sono incredibili!

Lo Shopping Tags nelle Storie di Instagram

La seconda news, dicevamo, riguarda invece Instagram! Stanno infatti testando anche nelle Stories gli “Shopping Tags”.

Chiaramente Instagram consentirà l’utilizzo di questa funzione soltanto agli account che:

  • rappresentano un’attività che offre beni materiali
  • possiedono un account Instagram aziendale
  • hanno un account Instagram collegato a un catalogo prodotti Facebook, che è possibile creare direttamente da Business Manager o grazie a piattaforme come Shopify

 

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!

I 5 errori da evitare se gestisci una Pagina aziendale su Facebook!

Facebook Marketing: gli errori da evitare…

Hai una pagina aziendale su Facebook? Non cadere in questi 5 errori!

Facebook vanta ormai ben 2 miliardi di utenti ed è un canale assolutamente imprescindibile. Non è un caso se le imprese che hanno aperto una pagina sul social network sono oggi più di 50 milioni! Va detto però che i risultati di queste aziende su Facebook non sono tutti uguali, variano dal grande successo ad un’inefficacia totale, e queste differenze dipendono da come viene gestita la pagina. Naturalmente anche il settore di riferimento dell’azienda conta: è più semplice arrivare ad una certa copertura e migliaia di interazioni su post che parlano di cibo, bambini, vacanze o eventi di rilievo, mentre appare più complicato creare interesse e viralità su aziende che realizzano impianti industriali, per fare un esempio. Ed è proprio questa la sfida!

Già un anno fa mi sono occupata dei 3 errori da evitare assolutamente se vuoi promuovere la tua azienda su Facebook – clicca qui! – ma nonostante alcune basi del Marketing su Facebook siano ormai note a tutti, diversi errori nella gestione di una pagina aziendale sono ancora molto comuni.

Ecco allora i 5 errori più diffusi:

Aprire una pagina e abbandonarla poco dopo

Si tratta di uno degli errori più frequenti: spesso, grazie all’entusiasmo iniziale, la pagina Facebook appena aperta viene arricchita di post e interazioni con una certa regolarità, abitudine che presto si smorza in un’attività sempre più saltuaria. Man mano la pagina tende a offrire meno contenuti e a non rispondere ai messaggi o ai commenti degli utenti. Un disinteresse simile dell’azienda non può che causare un’immagine negativa del marchio. È fondamentale, invece, sia pianificare con attenzione la pubblicazione dei post, che rispondere ai commenti dei fan, con gentilezza anche a quelli negativi, per aumentare fidelizzazione  ed engagement.

Facebook non serve a “vendere”

Si è già detto mille volte, Facebook non serve a vendere i tuoi prodotti o servizi in senso stretto! Molte aziende considerano ancora la pagina Facebook come uno spazio gratuito dove pubblicare unicamente post di prodotti/servizi orientati alla vendita. Bisogna invece comprendere che Facebook è più che altro un canale di comunicazione che il brand deve utilizzare per condividere con i propri fan contenuti di interesse reciproco, scegliendo così il proprio target e lavorando ogni giorno per coinvolgerlo.

I contenuti sono poco coerenti

Pubblicare post “a caso”, senza un filo logico che leghi i contenuti tra loro, ognuno diverso per tipologia di immagini, argomenti e tono della comunicazione è uno degli errori più comuni. Dare vita a una community forte significa scegliere accuratamente dei contenuti coerenti con i valori del brand, che seguano gli interessi del target e abbiano il giusto tono della comunicazione. Per far questo è necessario definire in precedenza quali sono gli obiettivi della pagina, qual è l’audience a cui ci si rivolge e la strategia da utilizzare. Fare un’analisi di questo tipo è prioritario per poter sfruttare le potenzialità della piattaforma al meglio.

Gestire la pagina solo nei ritagli di tempo

Molte aziende, specie quelle più piccole, per limitare i costi decidono di affidare la gestione dei social media a un dipendente, spesso sprovvisto di competenze specifiche,  che si trova a dover svolgere questa attività oltre al suo lavoro principale. Il risultato non può che essere una pagina gestita nei ritagli di tempo e in maniera poco professionale, che mette seriamente a rischio l’immagine dell’azienda stessa. Consigliamo sempre di affidare la gestione dei social network a una risorsa preparata, con le adeguate competenze, che consenta di ottimizzare costi, tempo e naturalmente risultati.

Ok sponsorizzare i post, ma non acquistare i fan

Sappiamo bene che Facebook è la piattaforma più frequentata al mondo, di conseguenza per ottenere una maggiore visibilità è spesso necessario investire, anche piccole cifre, nella sponsorizzazione dei post più importanti. Acquistare i fan è tutt’altra cosa, si tratta di una prassi sconsigliata anche perché Facebook ha deciso di premiare le pagine con maggiori interazioni (reali), rendendone più visibili i post, e i fan fake di certo non interagiscono con i contenuti pubblicati. Il mero numero di fan è un valore che ormai ha sempre meno importanza, ciò che conta davvero è raggiungere un target realmente interessato ai post della pagina.

 

Segui la pagina Facebook!

Social Media | Quali novità per questo 2018?

Le principali novità in ambito social media che stiamo scoprendo nel 2018

Negli anni abbiamo visto come una costante del mondo dei social media fosse la loro trasformazione continua ed è ormai chiaro che il successo in termini di marketing dipende in gran parte da quanto si è capaci di sfruttare al meglio le nuove funzionalità proposte dalle diverse piattaforme.

Essere in grado di adattarsi a questi cambiamenti, sperimentando sempre nuove idee creative, significa riuscire a coinvolgere gli utenti in maniera sicuramente più efficace.

Novità social 2018 su Facebook

Per quanto riguarda Facebook, il feed delle news e gli annunci (ads) hanno subito un cambiamento importante.

Nei primissimi mesi del 2018 abbiamo visto Facebook apportare un bel pò di modifiche che potrebbero avere una significativa influenza sui costi e sui dati.

Le novità più rilevanti di Facebook nel 2018 sono soprattutto relative alla pubblicità: se hai già usato il test A/B per selezionare l’immagine pubblicitaria migliore, saprai che il processo può essere talvolta un pò confuso. Adesso, con la novità chiamata  Dynamic Creative, potrai sfruttare gli algoritmi di Facebook per definire facilmente il tuo migliore annuncio, combinando titoli, immagini e testo al meglio. Dynamic Creative, nella creazione dell’annuncio, permette di inserire fino a trenta risorse creative. Una volta pubblicato l’annuncio, Facebook effettuerà delle corrispondenze per capire quale variante potrà dare i risultati migliori.

Facebook ha poi affinato la funzionalità legata alla creazione degli annunci multilingue, dando vita ad un ampliamento della copertura del pubblico.

Prima di questa novità, eravamo costretti a creare molti set di annunci, con le relative traduzioni in più lingue, adesso invece basterà fare un singolo annuncio e selezionare tra 6 traduzioni diverse. Facebook poi farà un’ottimizzazione del budget della campagna e mostrerà i tuoi annunci al pubblico adatto a seconda delle lingue scelte.

Questi gli aggiornamenti relativi a Facebook per quanto riguarda  Ad Manager, ma Zuckerberg, dopo le recenti vicissitudini, ha anche voluto apportare ulteriori importanti correzioni al suo feed di notizie per offrire contenuti maggiormente affidabili ai suoi utenti, evitando la diffusione di fake news.

Novità social 2018 su Instagram

I diversi cambiamenti dell’ultimo anno hanno visto Instagram diventare una piattaforma più coinvolgente e interattiva, sia agli occhi degli utenti che dei professionisti. Con l’intenzione di accontentare gli utenti grazie ad una nuova gestione dei contenuti, Instagram negli ultimi mesi ha dato luogo ad una serie di innovazioni molto importanti che, crediamo, produrranno un grande impatto nel social media marketing.

Prima di tutto ha introdotto di recente la possibilità per gli utenti di seguire gli hashtag, questo elimina l’esigenza di cercare di volta in volta foto e video di loro interesse, dato che i contenuti contenenti l’hashtag seguito saranno visualizzati nel loro feed automaticamente.

Scopri poi l’altra grande novità di Instagram: Shopping. Clicca qui per i dettagli!

Il Regram è un’ulteriore funzione che gli utenti di Instagram aspettavano da tempo e che finalmente la piattaforma sta sperimentando. La novità darà la possibilità di condividere i post di altre persone tra le proprie storie. In effetti oggi la condivisione dei contenuti su Instagram non è molto semplice, come invece avviene su Facebook e Twitter, poiché richiede di scaricare un’applicazione di terze parti, come Repost. Questa limitazione comporta un rischio: gli utenti potrebbero effettuare facilmente uno screenshot dell’immagine di un’altra persona, pubblicandola senza la giusta attribuzione.

Novità social 2018 su LinkedIn

Tra le varie novità del 2018 ce n’è una che riguarda i gruppi su LinkedIn. I gruppi sono una funzione che col tempo è divenuta sempre meno popolare a causa dello spam e, di conseguenza, dell’assenza di coinvolgimento tra le persone. La piattaforma allora ha deciso di incoraggiare più utenti a partecipare attivamente ai gruppi, facendo in modo che la funzione sia accessibile già dalla home, con i post recenti dei gruppi tra le notifiche della home page e disponibili nel feed. Inoltre, gli utenti adesso potranno pubblicare anche video su LinkedIn, davvero una bella novità!

LinkedIn ha poi effettuato un restyling delle pagine degli account, ottimizzato i filtri di ricerca e introdotto notifiche via email.

 

Insomma, i social si evolvono continuamente ed è nostro dovere, ma anche piacere, restare al passo!

 

Segui la pagina Facebook!

Integrazione Facebook – WhatsApp?

Un nuovo pulsante vi permetterà di passare da Facebook a WhatsApp

Facebook sta testando la possibilità di far accedere i suoi utenti direttamente su WhatsApp con un semplice tocco!

Da quando Facebook ha acquisito WhatsApp nel lontano 2014, i rumors di un’eventuale integrazione tra le due applicazioni si sono susseguite di continuo. Zuckerberg è stato costretto spesso ad affermare che WhatsApp sarebbe comunque sempre rimasto un servizio indipendente. Ora, però, il Social Network più famoso del mondo sarebbe intenzionato a fare un primo passo verso una possibile integrazione tra le due piattaforme. La redazione di The Next Web ha  diffuso la notizia secondo cui Facebook starebbe testando una novità: un nuovo pulsante all’interno della sua piattaforma, in grado di integrare WhatsApp. Nelle ultime ore, diversi utenti stanno già segnalando la presenza nell’app di Facebook di questo pulsante destinato a rimandare a WhatsApp. Al momento, però, la novità riguarda solo Android. Se si tocca il pulsante con il logo di WhatsApp, questo verrà aperto, senza però abbandonare l’applicazione di Facebook.

facebook

Come è possibile notare da questa immagine di esempio, il pulsante di fatto è posizionato in alto, nella sezione del menu, quindi abbastanza in evidenza. In ogni caso, si tratta di una feature ancora in fase di test, quindi è abbastanza difficile che gli utenti italiani possano già vederla! Dicevamo, il nuovo pulsante è disponibile per ora solo ad un ristretto numero di utenti, sulla versione Android dell’app, ma a breve sarà potrebbe diventare disponibile anche per utenti iOS. Questa però non è la prima volta che Facebook tenta di creare un ponte diretto tra un’app e l’altra. Da questo mese, da smartphone è possibile aprire Instagram senza essere necessariamente costretti a chiudere prima Facebook.

Come per qualunque test, non vi è ancora nessuna comunicazione relativa a quando il nuovo collegamento a WhatsApp diventerà un servizio a disposizione di tutti gli utenti di Facebook.

 

5 tool per gestire i social media

I 5 tool per gestire i social media: dalla ricerca dei contenuti al monitoraggio

Oggi tratteremo un argomento molto comune e di grande interesse per chiunque che, come me e magari te, si occupi di Social Media per lavoro. Non è il primo post che scrivo sulle risorse più utili per lavorare sui social, ma credo che fare periodicamente un elenco dei migliori tool possa essere sempre interessante e vantaggioso. La gestione dei Social tramite le risorse più adatte è un’attività molto complessa, che va curata nei minimi dettagli, senza improvvisazioni, se si vogliono raggiungere i propri obiettivi. Tutta la strategia va definita nel migliore dei modi, dalla scelta dei contenuti, alla pubblicazione di questi ultimi, fino al monitoraggio e alle analisi necessarie per comprendere come si sta procedendo e poter intervenire in caso di problemi.

Come possiamo tenere aggiornati i canali Social dei clienti, utilizzando di volta in volta contenuti nuovi e interessanti?

Questo articolo parla proprio della gestione e attività dei Social Media, sfruttando i giusti tool, ottimizzando i tempi e salvaguardando la qualità dei contenuti e la loro frequenza.

Prima di tutto concentriamoci sulle fonti: dove trovare le idee per dei contenuti di valore?

  1. Juicer 

Si tratta di un ottimo aggregatore di feed, risorsa utile per organizzare le fonti di ispirazione e avere una panoramica dei topic più diffusi negli ultimi giorni. Il lavoro di un social media manager si basa proprio sul continuo aggiornamento di eventi, trend, notizie e anniversari, e un tool come questo può dare una grossa mano nelle attività quotidiane!

Per ciascun settore esistono diversi siti web sia italiani che stranieri di riferimento, che diffondono le notizie principali o foto, video e altri contenuti multimediali d’interesse.

Organizzare le fonti è davvero molto importante per non perdere nè il tempo nè gli aggiornamenti di cui necessitiamo: Juicer ci consente di avere un’ampia panoramica dei contenuti da poter utilizzare e inserire nelle nostre programmazioni.

  1. Spidwit 

Spidwit è un software online che ricerca e organizza i contenuti in rete tra migliaia di fonti sul web, scegliendo le notizie, le immagini, i video e le citazioni più rilevanti a seconda del settore.

Spidwit, poi, ha una funzionalità molto interessante: una volta scelte le categorie d’interesse, il software propone un certo numero di articoli da poter postare direttamente da Spidwit sui vari canali.

Si tratta di un buona risorsa per trovare fonti utili e per poter programmare poi i post sui social.

Come variare i contenuti attraverso post coinvolgenti?

  1. Giphy  

Giphy è buon aiuto per il social media manager: mostra le gif più diffuse o nuove, oltre agli hashtag più in voga.

Si può esplorare la categoria “trending” e trovare sempre qualcosa di attuale. Scegliere una gif già in voga, nel suo momento di maggiore diffusione, e postarla con una didascalia carina e soprattutto calzante con il settore del tuo canale social, può avere un effetto sull’engagement davvero molto rilevante.

E l’analisi e monitoraggio?

  1. Chartbeat 

Consente di visualizzare i dati sull’attività del nostro sito web in tempo reale: analizza la provenienza del traffico, le condivisioni e l’eventuale aumento dell’audience sui social fino ad individuare i contenuti di maggior successo. Permette di controllare all’istante quanti lettori ci sono sul sito e dove stanno navigando, cosa leggono e su cosa cliccano.

  1. Datalytics

Quali sono le metriche da tenere assolutamente in considerazione durante un’attività di monitoraggio sui social media? Senz’altro il numero dei commenti, le menzioni a partire dalle keyword selezionate, gli utenti univoci, quanti account unici menzionano il brand, il totale potenziale degli utenti raggiunti, le impression, le visualizzazioni ottenute da un particolare oggetto.

 

Viaggi e Social media

 

Perché una struttura turistica dovrebbe approfittare dei social media per attirare viaggiatori?

Fino a pochi anni fa l’unico modo per trovare ispirazione e sognare/programmare la prossima vacanza era sostare davanti le offerte esposte in vetrina dalle agenzie di viaggi, poi entrare e farsi dare un catalogo sul Giappone, le Canarie o magari prenotare un viaggio negli USA! Quelle “vetrine” ora sono accessibili 7 giorni su 7, 24 ore al giorno, e vi si può accedere cliccando su una delle icone presenti sul vostro cellulare e il catalogo magicamente apparirà. Oltre ad una vasta serie di app, i canali per accedere a questo tipo di informazioni sono sempre più numerosi. Il mondo è ormai social e anche i canali marketing, di conseguenza, devono diventare più “sociali”: Facebook, Instagram, Snapchat, Twitter, Google sono ormai le piattaforme più amate dagli advertiser, anche nel settore dei viaggi.

I viaggiatori spendono il 20% del loro tempo sullo smartphone, connettendosi a Facebook o Instagram, ma queste due piattaforme non vengono usate allo stesso modo.

Recenti sondaggi effettuati da Facebook tra il 2015 e il 2016, su un campione di 2400 viaggiatori, hanno dimostrato che il 54% aveva trovato l’idea per il viaggio proprio su Facebook, e il 38% su Instagram. Ecco perché Facebook continua ad essere la piattaforma più usata dagli advertiser. Sa mantenersi sempre in evoluzione e si perfeziona di anno in anno.

Una delle ultime novità del social network più diffuso è la possibilità di creare un’inserzione dinamica.

Ma come funzionano le inserzioni dinamiche?

Facciamo un esempio: a coloro che utilizzano il sito booking.com, dopo aver cercato un hotel a Barcellona in date già stabilite, una volta ritornati su Facebook o su Instagram, il servizio mostrerà sottoforma di carousel ads la disponibilità aggiornata minuto per minuto dell’hotel di Barcellona durante le date scelte, che si sia effettuato l’accesso da mobile o da desktop. Di cosa si ha bisogno per cominciare a creare le inserzioni dinamiche per viaggi? Basta implementare il Pixel e/o l’SDK per mobile, caricare il tuo catalogo viaggi e creare un modello per le inserzioni!

Si tratta di un modo innovativo ed originale per sfruttare le potenzialità dei social media più utilizzati e amati dai viaggiatori.

Ecco un’infografica che ci mostra il nesso sempre più forte tra i social network e i viaggi.

viaggi