Perché e come creare una pagina aziendale su Linkedin

Linkedin: 6 consigli utili per aziende e professionisti

Avere una pagina LinkedIn aziendale è senz’altro utile per diverse ragioni. Ti consente di comunicare a clienti, dipendenti e collaboratori la mission e le novità della tua azienda, pubblicizzare nuovi servizi e/o prodotti, ampliare la tua rete di contatti, reclutare personale tramite l’opzione “Offerte di Lavoro” ed in sostanza curare la propria brand awareness. Una pagina aziendale Linkedin serve per dare vita ad un’immagine professionale per la tua azienda, soprattutto se la aggiorni con contenuti interessanti.

Come creare una pagina aziendale Linkedin?

Prima di tutto, i requisiti per poter aprire una pagina aziendale sono i seguenti:

  • bisogna avere un profilo personale
  • il profilo deve essere stato creato almeno sette giorni prima
  • l’efficacia del tuo profilo deve essere valutata da Linkedin almeno intermedia o massima.
  • il profilo deve avere già vari collegamenti
  • la persona che apre la pagina deve affermare di essere un attuale dipendente dell’azienda
  • si deve disporre di un indirizzo email aziendale (come ad esempio. account@miaazienda.it) unico e già confermato sul proprio account LinkedIn.

Ecco come procedere per la creazione della pagina:

  • Cliccare su “Aziende” nella parte superiore dell’home page.
  • Cliccare sul link “Aggiungi un’azienda” nell’area in alto a destra della pagina.
  • Inserire il nome della tua azienda e la tua email di lavoro.
  • Cliccare su “Continua” e inserire le informazioni relative alla tua azienda.
  • Un messaggio sarà inviato all’indirizzo email fornito da te. Seguire le istruzioni all’interno del messaggio per confermare l’indirizzo email e utilizzare le istruzioni per poi aggiungere la pagina aziendale.

La pagina LinkedIn deve essere considerata un vero e proprio supplemento al tuo sito: si tratta infatti di un importante strumento per generare traffico verso il sito web aziendale. Essendo poi un social network, LinkedIn consente di creare connessioni che portano a lavoro, pubblicità e diversi altri vantaggi di business.

Come sfruttare Linkedin al meglio e aumentare i collegamenti? Ecco 6 consigli:

1 – La pagina deve avere una sua personalità, deve essere ben riconoscibile dal punto di vista grafico attraverso l’utilizzo di logo e banner. Deve anche includere i link al sito web ufficiale, al blog e agli altri canali social.

2 – È bene che i tuoi collaboratori si connettano alla pagina aziendale: dipendenti e colleghi hanno una loro personale rete di contatti che consentirà di ampliare la portata dei tuoi collegamenti e contenuti.

3 – Pubblica regolarmente dei contenuti di valore, riguardo ciò cui stai lavorando. Sfrutta il blog aziendale e inserisci aggiornamenti d’interesse per il target di clienti a cui il tuo business si rivolge. Interagire, poi, con i follower è molto importante.

4 – Puoi anche usufruire del servizio di advertising a pagamento. Si possono creare degli annunci di testo per pubblicizzare prodotti e/o servizi a un pubblico targettizzato. Grazie ai contenuti sponsorizzati si ha la possibilità di accrescere le visualizzazioni dei propri contenuti.

5 – Se lo ritieni utile, usa le Pagine Vetrina. Si tratta di estensioni delle pagine aziendali utilizzate per la promozione di un servizio in particolare o una iniziativa specifica. Se ne possono inserire fino a 10, attivando su queste delle campagne a pagamento.

6 – Segui le aziende con cui collabori e/o i tuoi fornitori.

Infine, uno dei modi migliori per aumentare la visibilità della tua pagina Linkedin è di partecipare attivamente ai gruppi, da selezionare accuratamente perché siano coerenti con il tuo business. L’attività all’interno dei gruppi consente di entrare in contatto con tanti professionisti del tuo settore ed altre aziende, e ti permette anche di rafforzare la tua reputazione online. È fondamentale interagire e partecipare a discussioni con gli altri utenti, condividendo la propria esperienza: è sicuramente un ottimo metodo per generare visite verso la tua pagina aziendale.

 

Influencer su Instagram

Pubblicità occulte su Instagram da parte degli influencer?

Instagram introduce una novità: nasce una partnership trasparente tra influencer e brand

Instagram ha annunciato un nuovo tool che può davvero dare una svolta alla pubblicità su questa piattaforma, uno strumento che può essere vantaggioso sia per gli influencer che per le aziende. Prossimamente infatti, gli utenti cominceranno a visualizzare il tag “Paid Partnership with” all’interno di post e di Storie che gli influencer realizzano in collaborazione con un determinato brand.

Questa novità potrà finalmente garantire una maggiore trasparenza nella community di uno dei social più diffusi al mondo, e darà ai creatori di contenuti la possibilità di taggare apertamente le aziende con le quali hanno una partnership.

Con questo tag, poi, l’azienda avrà accesso a una serie di insight relativi all’engagement generato da quel determinato post.

Il vero motore della community di Instagram sono proprio le relazioni tra gli utenti, e le collaborazioni tra coloro che pubblicano contenuti e i marchi sono ormai parte integrante della piattaforma. Per questo motivo le aziende ora desiderano impegnarsi per dare una maggiore garanzia di trasparenza.

Erano infatti fioccate diverse critiche per la promozione “occulta”, da parte di noti influencer, di prodotti chiaramente legati ad un determinato brand. Questa cattiva abitudine aveva fatto vacillare la credibilità e l’autorevolezza sia dei creatori di contenuti, che delle aziende. Di conseguenza, per risolvere il problema, Instagram ha introdotto la novità Paid partnership with @nomeazienda. Questo tag metterà in chiaro il rapporto di natura promozionale e commerciale esistente tra gli influencer che pubblicano le foto dei prodotti e le aziende in questione: sarà come dire “abbiamo una collaborazione e non la nascondiamo, anzi, la poniamo in evidenza”.

Tutto ciò non interferirà con didascalia e visual del post, che resteranno a discrezione dell’autore, che potrà quindi aggiungere hashtag e menzioni.

 

influencer

 

Come si può notare dall’immagine, il risultato è funzionale. Ossia, l’efficacia del post non viene messa assolutamente in discussione e la creatività resta sempre in primo piano.

Il vantaggio sarà una maggiore chiarezza tra influencer e aziende, e un maggiore rispetto anche degli utenti della community. D’altronde, qual è l’investimento che caratterizza di più il valore di un brand? La trasparenza!