gestire pagina facebook

I 5 errori da evitare se gestisci una Pagina aziendale su Facebook!

Share
Facebook
Twitter
LinkedIn

Facebook Marketing: gli errori da evitare…

Hai una pagina aziendale su Facebook? Non cadere in questi 5 errori!

Facebook vanta ormai ben 2 miliardi di utenti ed è un canale assolutamente imprescindibile. Non è un caso se le imprese che hanno aperto una pagina sul social network sono oggi più di 50 milioni! Va detto però che i risultati di queste aziende su Facebook non sono tutti uguali, variano dal grande successo ad un’inefficacia totale, e queste differenze dipendono da come viene gestita la pagina. Naturalmente anche il settore di riferimento dell’azienda conta: è più semplice arrivare ad una certa copertura e migliaia di interazioni su post che parlano di cibo, bambini, vacanze o eventi di rilievo, mentre appare più complicato creare interesse e viralità su aziende che realizzano impianti industriali, per fare un esempio. Ed è proprio questa la sfida!

Già un anno fa mi sono occupata dei 3 errori da evitare assolutamente se vuoi promuovere la tua azienda su Facebook – clicca qui! – ma nonostante alcune basi del Marketing su Facebook siano ormai note a tutti, diversi errori nella gestione di una pagina aziendale sono ancora molto comuni.

Ecco allora i 5 errori più diffusi:

Aprire una pagina e abbandonarla poco dopo

Si tratta di uno degli errori più frequenti: spesso, grazie all’entusiasmo iniziale, la pagina Facebook appena aperta viene arricchita di post e interazioni con una certa regolarità, abitudine che presto si smorza in un’attività sempre più saltuaria. Man mano la pagina tende a offrire meno contenuti e a non rispondere ai messaggi o ai commenti degli utenti. Un disinteresse simile dell’azienda non può che causare un’immagine negativa del marchio. È fondamentale, invece, sia pianificare con attenzione la pubblicazione dei post, che rispondere ai commenti dei fan, con gentilezza anche a quelli negativi, per aumentare fidelizzazione  ed engagement.

Facebook non serve a “vendere”

Si è già detto mille volte, Facebook non serve a vendere i tuoi prodotti o servizi in senso stretto! Molte aziende considerano ancora la pagina Facebook come uno spazio gratuito dove pubblicare unicamente post di prodotti/servizi orientati alla vendita. Bisogna invece comprendere che Facebook è più che altro un canale di comunicazione che il brand deve utilizzare per condividere con i propri fan contenuti di interesse reciproco, scegliendo così il proprio target e lavorando ogni giorno per coinvolgerlo.

I contenuti sono poco coerenti

Pubblicare post “a caso”, senza un filo logico che leghi i contenuti tra loro, ognuno diverso per tipologia di immagini, argomenti e tono della comunicazione è uno degli errori più comuni. Dare vita a una community forte significa scegliere accuratamente dei contenuti coerenti con i valori del brand, che seguano gli interessi del target e abbiano il giusto tono della comunicazione. Per far questo è necessario definire in precedenza quali sono gli obiettivi della pagina, qual è l’audience a cui ci si rivolge e la strategia da utilizzare. Fare un’analisi di questo tipo è prioritario per poter sfruttare le potenzialità della piattaforma al meglio.

Gestire la pagina solo nei ritagli di tempo

Molte aziende, specie quelle più piccole, per limitare i costi decidono di affidare la gestione dei social media a un dipendente, spesso sprovvisto di competenze specifiche,  che si trova a dover svolgere questa attività oltre al suo lavoro principale. Il risultato non può che essere una pagina gestita nei ritagli di tempo e in maniera poco professionale, che mette seriamente a rischio l’immagine dell’azienda stessa. Consigliamo sempre di affidare la gestione dei social network a una risorsa preparata, con le adeguate competenze, che consenta di ottimizzare costi, tempo e naturalmente risultati.

Ok sponsorizzare i post, ma non acquistare i fan

Sappiamo bene che Facebook è la piattaforma più frequentata al mondo, di conseguenza per ottenere una maggiore visibilità è spesso necessario investire, anche piccole cifre, nella sponsorizzazione dei post più importanti. Acquistare i fan è tutt’altra cosa, si tratta di una prassi sconsigliata anche perché Facebook ha deciso di premiare le pagine con maggiori interazioni (reali), rendendone più visibili i post, e i fan fake di certo non interagiscono con i contenuti pubblicati. Il mero numero di fan è un valore che ormai ha sempre meno importanza, ciò che conta davvero è raggiungere un target realmente interessato ai post della pagina.

 

Segui la pagina Facebook!

Share
Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *