5 motivi per aprire un blog aziendale

Stai pensando di aprire un sito e non sai se inserire anche un blog aziendale?

Il blog aziendale è davvero utile per la tua attività di marketing online! Scopri perché!

Bisogna ammettere che oggi alcune PMI italiane non sono ancora del tutto convinte dell’importanza di aprire un blog aziendale (o corporate blog). E ciò accade nonostante sia stato verificato che i blog consentono di fare content marketing in modo pienamente efficace.  Diciamo meglio: le aziende che hanno un blog aggiornato trovano nuovi clienti più facilmente e spendendo meno soldi rispetto a quelle che non hanno un blog. Di conseguenza, le PMI che decidono di creare un blog aziendale hanno un bel vantaggio competitivo rispetto alle altre. Insomma, se possiedi una PMI, affrettati a creare un blog aziendale o comincia a gestire al meglio quello che hai già.

Di seguito ho elencato alcuni vantaggi che un blog aziendale può offrire ad una PMI, se gestito in modo professionale. I dati statistici citati nei 5 punti sono da riferirsi agli USA. Ma ciò non significa che anche in Europa e in Italia non si stia andando rapidamente in quella direzione!

Avere un corporate blog consente alle PMI di:

1-Generare fiducia nei propri clienti potenziali

L’81% degli utenti statunitensi ripongono fiducia nei contenuti presenti nei blog aziendali. Per questo motivo, una PMI ha la possibilità di apparire più autorevole ed affidabile se nel proprio blog inserisce dei contenuti di valore oggettivo.

2-Dare una spinta al marketing online

Il 79% degli responsabili di marketing indica il corporate blogging come lo strumento più valido per fare web marketing. Il perché è semplice: i post attraggono traffico relativo al target richiesto e, grazie al copywriting persuasivo, riescono a creare conversioni.

3-Aumentare l’engagement degli utenti

Il 90% degli utenti afferma di giudicare utili i contenuti aziendali pubblicati con lo scopo di offrire soluzioni e spiegazioni ai bisogni specifici dei consumatori. Insomma, anche qui è chiara l’efficacia del blog aziendale sviluppato con contenuti validi e utili per i consumatori.

4-Fornire contenuti personalizzati al target

Il 78% dei responsabili marketing indica il futuro del marketing online nella diffusione di contenuti di qualità, definiti in base alle necessità del target. I contenuti web creati espressamente per i potenziali clienti sono un impareggiabile strumento di marketing.

5-Aumentare il traffico verso il sito aziendale

Se si decide di aprire un blog aziendale, questo fornirà senz’altro un aumento del traffico verso il sito web o l’e-commerce che contiene il blog. Il numero delle pagine indicizzate su google sarà superiore addirittura del 434% rispetto alle PMI che non possiedono un blog. Ecco un’ennesima prova del fatto che un blog aziendale è capace di intercettare grandi quantità di traffico targettizzato.

 

Social Media Marketing e Psicologia

Social Media Marketing e Psicologia

3 modi per utilizzare la Psicologia nel Social Media Marketing

Lo sappiamo, i social media tendono ad amplificare diversi comportamenti umani, e la psicologia che è alla base della vita online degli utenti è la medesima che ne domina la vita reale. Per i professionisti che si occupano di Social Media Marketing, attività che cerca di stimolare le persone per raggiungere determinate reazioni, sapere cosa le spinge e genera i loro comportamenti è un requisito fondamentale per sviluppare un’efficace strategia sui vari canali social.

1.La familiarità. È una delle basi della psicologia dell’uomo: più conosci e vedi qualcuno, più questo ti risulterà gradito, specialmente se ha qualcosa di stimolante o importante da comunicare. Lo stesso presupposto può valere anche per il Social Media Marketing… bisogna rendere l’azienda o il prodotto più visibile, organizzare una presenza online capillare, sempre grazie a dei contenuti di valore. Il branding si fonda infatti sul principio di familiarità, facendo sì che il marchio venga mostrato molte volte agli utenti, e generando proprio quel sentimento di familiarità che li porterà ad individuarlo (e a comprarlo) quando lo vedranno nei negozi.

2. La reciprocità. Si tratta di dare qualcosa alle persone, ottenendo qualcos’altro in cambio: chi riceve un qualsiasi tipo di vantaggio, in genere sente di dover contraccambiare. Sui social network e sul web questo principio trova conferma nella filosofia che c’è dietro ai concorsi oppure alle “offerte” e ai coupon. Se vuoi che gli utenti mettano un “mi piace” o condividano qualcosa, come un post o un evento, questi saranno più predisposti a farlo se gli darai un beneficio, come la possibilità di prendere parte ad un concorso o ricevere un premio. Allo stesso modo, se offri agli utenti l’accesso a un particolare contenuto, ti sarà più semplice raccoglierne la mail o i dati personali.

3. L’appartenenza. In un gruppo di persone, se vieni coinvolto in una interazione positiva, ciò accresce il tuo sentimento di appartenenza a quella compagnia. Può sembrare una riflessione stupida, ma tante aziende pare non abbiano compreso quanto il “parlare” alle singole persone direttamente aiuti a potenziare la relazione tra il brand e i suoi clienti, effettivi e potenziali. Questo vuol dire che le imprese non devono soltanto rispondere alle domande e ai commenti, ma che devono anche cercare di creare un’interazione personale con gli utenti. Ad esempio, se un’azienda condivide o commenta il post di un fan, per quest’ultimo si tratta di qualcosa di molto gratificante, e per il marchio di un’opportunità per rafforzare il legame con gli utenti e anche per scoprire dei contenuti nuovi.

Segui la pagina Facebook!